bollino ceralaccato

I convegni sulla Csr: ritrovo tra i soliti noti.

Quello che ho notato da un anno a questa parte partecipando a molti convegni sulla CSR mi preoccupato molto. E di indizi che portano a pensare che si stia istituendo quello che sta purtroppo già diventando “il gran rituale della convegnistica sulla CSR” ce ne sono molti.

 

Non è mai facile commentare le iniziative altrui. Specie per noi che siamo soliti presentare periodicamente proprio con dei seminari il frutto dei nostri sforzi di ricerca. Ma quello che ho notato da un anno a questa parte partecipando a molti convegni che avevano come tema di discussione la CSR, seppur trattata da angolature molto diverse tra loro, mi preoccupato molto. Infatti, di indizi che portano a pensare che si stia istituendo quello che sta purtroppo già diventando “il gran rituale della convegnistica sulla CSR” ce ne sono molti, vediamo i più evidenti.

Innanzitutto, i relatori (o i partecipanti alle tavole rotonde) sono nella stragrande maggioranza dei casi sempre gli stessi, i volti oramai sono noti, la cordialità tra loro aumenta. I discorsi, i punti di vista, gli esempi riportati sono, ancora una volta, sempre gli stessi: non si dice sostanzialmente nulla di nuovo.

Le tesi innovative e le proposte utili a un manager d’azienda che, finito il convegno e tornato nel suo ufficio, volesse prendere spunto da quanto ascoltato per creare consenso e sviluppo attraverso la CSR mancano, la retorica abbonda (la CSR viene dipinta come quella cosa bella e utile che devo fare e devo comunicare a gran voce che faccio e che è importante e strategica per la mia azienda; in pratica, un vincolo da rispettare per non danneggiare più di tanto il sociale ed evitare di avere tutti contro).

Il materiale distribuito va raramente al là della mera documentazione di marketing o della brochure commerciale, non mi risulta che sia mai stato distribuito un paper o una raccolta di articoli con le tesi sostenute da uno o più relatori; al limite dei report, ma ampiamente sponsorizzati (e solo report, guai azzardare una proposta e fare un piccolo sforzo in più dell’osservare la realtà).

I cosiddetti casi aziendali presentati sono quasi sempre sponsorizzati da questa o quella società di consulenza in cerca di visibilità; i temi in tal senso che vanno per la maggiore sono l’ecologia, l’ambiente, le iniziative sociali e di comunicazione, le certificazioni socio-ambientali.

In sala, partecipanti certo numerosi, ma quel che si nota è la crescente percentuale di addetti ai lavori, esperti, consulenti e rappresentanti pubblici o delle istituzioni, mentre le aziende tendono a non essere presenti o a delegare, solo raramente chi ha il ruolo di decisore nei processi di CSR spende il proprio tempo a un convegno.

Infine, poco o nullo lo spazio per interventi dei convenuti e, quando previsto, poche le domande e quasi sempre da parte di addetti ai lavori (consulenti, esperti, docenti, rappresentanti istituzionali) che, mi si lasci dire, più che fare domande fanno delle proprie personali osservazioni del tutto indipendenti.

Se ripetutamente e a distanza di mesi lo stesso triste scenario si ripete, allora significa che la deriva autoreferenziale è in atto ed è lecito preoccuparsi. Anche perché, nel frattempo, ho personalmente incontrato diverse persone e manager che si occupano di Csr. Ho parlato con tante aziende fortemente impegnate nella Csr o in procinto di farlo. E tutti quanti si stanno accorgendo di questa triste deriva retorica che ha come suo apice proprio la già citata “convegnistica di settore”. Molti mi hanno dichiarato di non partecipare più a nessuno di questi rituali vuoti e noiosi.

Non converrebbe rifletterci? E, magari, utilizzare tanti sforzi e tanta energia per costruire delle iniziative in grado di dare un reale impulso alla CSR e non farla apparire come una semplice opportunità commerciale per consulenti da strapazzo e un ritrovo tra i soliti noti.

Loris Belluta

Loris Belluta

Sei interessato?
Segui questo progetto

Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

Dello stesso autore
Valutazione delle strategie sociali delle società S&P/MIB attraverso la matrice di responsabilità sociale

Un appuntamento. Mercoledì 14 marzo alle ore 10.30 a Milano presenteremo i dettagli della ricerca "CSR on line" nel corso di un convegno.

Valutazione delle strategie sociali delle società S&P/MIB attraverso la matrice di responsabilità sociale: documentazione integrativa

Abbiamo pensato di minimizzare l'uso della carta. Un segnale di responsabilità ambientale. Qui potete trovare tutto il materiale e la documentazione relativa la convegno. E stampare solo ciò che ...

L'impegno sociale è solo di facciata

L'articolo di Carolina Parma comparso a pagina 32 di "Economy", il business magazine settimanale di Mondadori, in edicola questa settimana (numero 13 del 28 marzo 2007). Riporta i risultati della n...

L’interesse per il sociale: riflettori sui top managers

La società di consulenza strategica McKinsey ha pubblicato una ricerca a 100 executive di grandi aziende sulla propensione a occuparsi di temi sociali e politici. Emergono risvolti positivi, ma an...

Social responsibility una scelta strategica.

E’ apparso recentemente sulla “Newsletter Bocconi” nr. 24 un interessante articolo di Stefano Pogutz su questo tema. Un plauso al coraggio dell'autore nel porre con forza il tema e la sua ril...

Shangai, la borsa e l’impero di Cindia.

Una nuova pandemia si è, questa volta realmente, diffusa in tutto il mondo occidentale. Il male si chiama “Panico” ha colpito i possessori di titoli azionari e ha infettato tutte le borse mond...

×