bollino ceralaccato

Apprendisti stregoni alla BCE

Che bello: hanno aumentato il costo del denaro e il Presidente della BCE annuncia categorico che non è finita. Lo si vede nella foto del Sole 24 ore (pag 4 di oggi 7 giugno 2007) con il dito teso quasi a minacciare...

 

Che bello: hanno aumentato il costo del denaro e il Presidente della BCE annuncia categorico che non è finita. Lo si vede nella foto del Sole 24 ore (pag 4 di oggi 7 giugno 2007) con il dito teso quasi a minacciare: “Che non si faccia illusioni perché tra non molto aumenteranno ancora ed allora vedrete come riusciremo a calmare i suoi bollenti spiriti!” Accidenti diranno tutti coloro che pagheranno questo aumento: “Sono sempre più nei guai, ma che uomo di polso, che audacia contro un nemico così potente! Meno male che c’è Lui! Ci voleva proprio un nuovo uomo della provvidenza”. Sì con la lettera minuscola. Dai almeno non fatemi mettere la lettera maiuscola e lasciamo in pace la Provvidenza con la “P” maiuscola, quella  Renzo Tramaglino diceva “la c’è!”.

Ma chi è questo nemico contro il quale ci protegge un ben pagato e senza problema di mutui o di fidi GBC (Grande Banchiere Centrale, visto che il Grande Fratello è scaduto a protagonista dei “reality”)? Be’, ma è l’inflazione! Eh sì, aumentando il costo del denaro si mette freno all’inflazione …

Ecco io ho cercato di scrivere scherzosamente, perchè questa affermazione mi sembra uno scherzo! Ma è di pessimo gusto!

Si badi bene, non voglio sostenere che aumentare il costo del denaro sia negativo. Certo chi sostiene che è positivo lo deve spiegare bene a coloro (cittadini europei sovrani) che lo pagheranno, magari pagando anche la “cresta” che ci farà sopra qualche banca, vantando poi stratosferici aumenti del ROE.

Voglio dire che non sta in piedi la ragione per la quale lo si aumenta!

Quale è questa ragione? Ma diamine sta ben radicata nelle “leggi dell’economia”. Tutti sanno che aumentando il costo del denaro si diminuisce l’inflazione.

Ecco io credo che sia il caso di rivelare che questa legge non esiste! Come non esistono le fantomatiche leggi dell’economia. Esistono presunzioni di leggi (peraltro non condivise) che vengono citate (ma mai illustrate) da coloro che se ne servono.

Se qualcuno sostiene che questa legge esiste mi piacerebbe sapere dove è pubblicata, quale è l’equazione che la descrive, quali sono le sue ipotesi di validità (tutte le leggi non sono universali, ma contestuali) se e perché valgono in questo contesto. E, poi, quale epistemologia le sostiene. Insomma mi piacerebbe conoscere le risposte a tutte le domande alle quali risponde agevolmente ogni fisico che parla di una legge e che fa ogni apprendista epistemologo.

Ma chi si periterà mai di rispondere a queste domande tra i Signori che stanno chiusi in un palazzo così alto ed imponente perché tutti ne vedano e ne capiscano l’isolamento, l’autoreferenzialità?

Nessuno! Anche perché in tutta la stampa non ho visto nessuno porre in dubbio che questa legge a cui si ispira la decisione della BCE esista. Nelle reazioni degli attori sociali si discute se sia bene o no l’aumento del costo del denaro, ma nessuno riesce a dire che il re è nudo. Che la pretesa legge che spinge ad una decisione che avrà impatti più o meno buoni non esiste. Nessuno dice che siamo di fronte ad apprendisti stregoni che giocano sul nostro futuro.

Credo che sia attraverso l’accettare autorità senza fondamento che si dia un grande contributo alla formazione della società delle caste di cui parla Stella nel suo ultimo libro!

Mi si lasci chiudere con un aneddoto.

Al mio paese di origine, nella bassa padana, esisteva un colorito personaggio che sosteneva di essere il numero due della CIA in Europa. E lavorava all’autostrada come operaio. Lavoro degnissimo dicevano tutti. Grande copertura diceva lui. In tutte le piccole comunità appare qualcuno che si crede Napoleone o qualcosa di simile. Naturalmente il nostro amico (era veramente amico di tutti e amato da tutti) pontificava dall’alto del suo ruolo immaginato su tutte le questioni di attualità. Altrettanto naturalmente le sue opinioni erano facilmente contestabili per ovvi motivi e contestate per giocare così un po’ la sera al bar.

E lui come rispondeva? Per un po’ tentava di sostenere la discussione. E poi applicava il metodo Jonhsonn. Si diceva di disporre di un segretissimo ma potentissimo metodo Jonhsonn applicando il quale si otteneva che aveva ragione lui e non gli altri. Ma cosa è questo fantomatico metodo che ti fa avere sempre ragione? “Ecco non posso rivelarlo! - rispondeva lui – Volete che il numero due della CIA in Europa riveli i metodi segreti della CIA?”

Ecco la legge citata dalla BCE ha tanto il sapore del metodo Jonhsonn.

Io credo che occorra proprio costruire un nuovo modo di fare politica: monetaria, economica o politica senza aggettivi. La politica da abbandonare è quella che viene fatta dalle caste (per quanto competenti e nobili siano). La politica che occorre attuare è quella della partecipazione progettuale. Perché questa politica sia possibile, abbiamo proposto un metodo che abbiamo definito “Sorgente Aperta”.

Francesco Zanotti

Francesco Zanotti

Sei interessato?
Segui questo progetto

Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

Dello stesso autore
Gli Ultras sono attori sociali

I gruppi di ultras sono sostanzialmente attori sociali. Ma il modo in cui si stanno affrontando è simile al modo in cui si trattano tutti i gruppi antagonisti. In realtà esiste un'alternativa.

CSR: dalla retorica allo sviluppo

La caratteristica fondamentale della nostra società è l’aumento della sua complessità economica, sociale, politica, istituzionale e culturale. Aumento di complessità significa che, quando si ...

Lezione di etica alla norvegese (dal Sole 24 Ore)

E' necessario un nuovo è più intenso paradigma di CSR. Essere socialmente responsabili significa, da parte delle imprese, dopo tutto, attivare strategie che sono orientate allo sviluppo sociale c...

Impresa e cultura: una nuova proposta

Una delle aree più a rischio di deriva retorica è quella del rapporto tra impresa e cultura. Voglio dare il mio contributo perché il rischio della deriva retorica si trasformi in uno stimolo al...

Dalla creatività individuale alla creatività sociale

Come ogni giovedì, il Sole 24 Ore allega al quotidiano l’inserto “Nova”. In questo numero si parla diffusamente della creatività. Un nostro commento.

Porter sulla CSR: una proposta forte senza lungimiranza

Un doveroso commento all'articolo di Michael E. Porter e Mark R. Kramer sulla CSR comparso sul numero di dicembre della Harvard Business Review dal titolo "Il legame tra Vantaggio Competitivo e la ...

×