bollino ceralaccato

Dalla creatività individuale alla creatività sociale

Come ogni giovedì, il Sole 24 Ore allega al quotidiano l’inserto “Nova”. In questo numero si parla diffusamente della creatività. Un nostro commento.

 

Come ogni giovedì, il Sole 24 Ore allega al quotidiano l’inserto “Nova”. In questo numero si parla diffusamente della creatività. Leggendo altrettanto diffusamente, si scopre che si intende sempre una creatività individuale, del designer, del giovane di talento che inventa il nuovo prodotto di consumo. Si arriva al massimo alla creatività nella ricerca tecnologica. Si citano anche tentativi di “teoria” della creatività, come la teoria delle tre “T” (Talento, Tolleranza, Tecnologia); il contributo di Bonomi, il sociologo dei territori, che appunto, aggiunge un’altra “T”, quella di Territorio e il contributo di Cristina Tagliabue che riflette sull’equazione: giovani uguale creatività.

Ma si rimane sempre e solo si rimane a livello individuale. Ecco, io credo che oggi sia necessario attivare un nuovo livello di creatività: la creatività sociale. Cosa intendo? Innanzitutto intendo che i “campi” dove è necessario immaginare cose nuove sono sostanzialmente sistemi sociali. Faccio degli esempi, giusto alcuni, inevitabilmente alla rinfusa perché praticamente ogni “pezzo” di società necessita di creatività sociale . E’ necessario immaginare un nuovo modo di fare banca che non sia imitazione del fare banca anglosassone che ha come riferimento l’individuo e l’impresa come monadi nella società. Un nuovo modo di fare banca che abbia come riferimento i territori e si proponga come attore attivo nello sviluppo dei nostri territori. E’ necessario immaginare non nuovi prodotti gadget, ma un nuovo senso del consumo e del benessere. E’ necessario immaginare nuove filiere alimentari, come è necessario immaginare un nuovo stato sociale, nuove istituzioni nazionali ed internazionali.

Per creatività sociale intendo non solo che essa ha come oggetto il sociale, ma anche che si compie socialmente. Noi che curiamo questo Portale di CSR, proporremo una serie di proposte di innovazione sociale, ma saranno solo provocazioni. Dopo di esse sarà necessario un contributo diffuso perché la innovazione sociale non può essere delegata allo sterile gioco delle parti tra intellettuali e politici. Tutti i contributi dovranno essere portati a sintesi e solo allora nascerà una proposta non solo realmente innovativa, ma anche socialmente significativa. Sarà questo un modo per praticare la nostra collettiva, di persone, imprese, istituzioni, responsabilità sociale.

Francesco Zanotti

Francesco Zanotti

Sei interessato?
Segui questo progetto

Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

Dello stesso autore
Gli Ultras sono attori sociali

I gruppi di ultras sono sostanzialmente attori sociali. Ma il modo in cui si stanno affrontando è simile al modo in cui si trattano tutti i gruppi antagonisti. In realtà esiste un'alternativa.

CSR: dalla retorica allo sviluppo

La caratteristica fondamentale della nostra società è l’aumento della sua complessità economica, sociale, politica, istituzionale e culturale. Aumento di complessità significa che, quando si ...

Lezione di etica alla norvegese (dal Sole 24 Ore)

E' necessario un nuovo è più intenso paradigma di CSR. Essere socialmente responsabili significa, da parte delle imprese, dopo tutto, attivare strategie che sono orientate allo sviluppo sociale c...

Impresa e cultura: una nuova proposta

Una delle aree più a rischio di deriva retorica è quella del rapporto tra impresa e cultura. Voglio dare il mio contributo perché il rischio della deriva retorica si trasformi in uno stimolo al...

Porter sulla CSR: una proposta forte senza lungimiranza

Un doveroso commento all'articolo di Michael E. Porter e Mark R. Kramer sulla CSR comparso sul numero di dicembre della Harvard Business Review dal titolo "Il legame tra Vantaggio Competitivo e la ...

www.dotherightthing.com: stiamo progettando il passo successivo

Da un articolo-suggerimento comparso su "Domenica" del Sole24Ore, la conferma della visione anglosassone della CSR così come appare da questo sito comunità che considera la responsabilità social...

×