bollino ceralaccato

La crisi finanziaria prossima ventura 2

Da un lato, Affari e Finanza ricorda che alla crisi dei mutui si sta aggiungendo quella delle carte di credito, soprattutto delle carte revolving. Dall’altro, CorrierEconomia, con una intervista a Marcello Messori, ricorda che all’origine della crisi vi è il fenomeno della cartolarizzazione selvaggia. Come rimediare?

 

Perché 2? Perché ho già scritto un articolo su “la prossima crisi finanziaria”.

 

Oggi (3 dicembre 2007), però, leggendo “Affari e Finanza” e “CorrierEconomia” non posso che riprendere il tema è aggiungere un paio di altre considerazioni. Poiché il rischio si sta aggravando e le soluzioni vengono solo pallidamente individuate, ma senza una proposta precisa sul come metterle in pratica.

 

Infatti, da un lato, Affari e Finanza ricorda (non è una notizia fresca perché lo sanno e lo sapevano tutti) che alla crisi dei mutui si sta aggiungendo quella delle carte di credito, soprattutto quella delle carte revolving. E’ certamente una crisi altrettanto (se non di più) estesa, ma è certamente più grave perché i mutui sono garantiti in qualche modo dalla “sottostante” casa. Mentre le carte di credito, no!

 

Dall’altro, CorrierEconomia, con una intervista a Marcello Messori, ricorda che all’origine della crisi vi è il fenomeno della cartolarizzazione selvaggia. Cioè una cartolarizzazione fatta “ex ante” e non “ex post”, come prudenza vorrebbe. Detto diversamente, le istituzioni finanziarie hanno allentato i controlli sulla affidabilità dei potenziali debitori, perché tanto poi si cartolarizzano i crediti e si distribuiscono sul mercato.

 

La proposta su come rimediare? Messori dice che le banche devono riprendere la buona abitudine di imparare a valutare il potenziale debitore. Ecco è certamente una proposta, ma  generica e, forse, anche fuorviante. Messori fa come se le istituzioni finanziarie sapessero valutare il potenziale debitore, ma non volessero, furbescamente, farlo. Io credo che, invece, non sappiano farlo. E di più. Anche se accettassero di non sapere e cercassero di imparare, non troverebbero chi potrebbe loro insegnare perché è lo stesso stato dell’arte delle conoscenze  strategico-finanziarie che non è in grado di fornire modelli e strumenti per questa valutazione.

 

Se questa è la situazione cosa è necessario fare? Un grande sforzo di ricerca e sviluppo per trovare modelli e strumenti per riuscire a valutare la capacità di produrre reddito nel futuro degli attori che producono valore per antonomasia: le imprese, industriali o di altro tipo che siano. Noi abbiamo fatto una prima proposta di una metodologia di valutazione e di strumenti per renderla operativa. Ma occorre ben altro occorre che questa nostra proposta venga approfondita e sperimentata.

 

Sono quasi certo che questo lavoro di ricerca e sperimentazione inizierà. Ma, come paventato nell’articolo precedente, solo in realtà periferiche e sarà rifiutato a priori dalle grandi istituzioni finanziarie. Il che vuol dire che sarà un successo per noi che l’abbiamo proposto, ma non riuscirà appieno a sviluppare tutte le sue potenzialità di ripensamento vero e profondo del nostro sistema economico. Quando avrà prodotto risultati di successo, poi, questi risultati verranno diffusamente adottata, ma sarà troppo tardi per evitare quella crisi il cui prossimo capitolo, dopo mutui e carte di credito, almeno in Italia, sarà quella dei crediti a breve ed a lungo alle imprese.

Francesco Zanotti

Francesco Zanotti

Sei interessato?
Segui questo progetto

Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

Dello stesso autore
Gli Ultras sono attori sociali

I gruppi di ultras sono sostanzialmente attori sociali. Ma il modo in cui si stanno affrontando è simile al modo in cui si trattano tutti i gruppi antagonisti. In realtà esiste un'alternativa.

CSR: dalla retorica allo sviluppo

La caratteristica fondamentale della nostra società è l’aumento della sua complessità economica, sociale, politica, istituzionale e culturale. Aumento di complessità significa che, quando si ...

Lezione di etica alla norvegese (dal Sole 24 Ore)

E' necessario un nuovo è più intenso paradigma di CSR. Essere socialmente responsabili significa, da parte delle imprese, dopo tutto, attivare strategie che sono orientate allo sviluppo sociale c...

Impresa e cultura: una nuova proposta

Una delle aree più a rischio di deriva retorica è quella del rapporto tra impresa e cultura. Voglio dare il mio contributo perché il rischio della deriva retorica si trasformi in uno stimolo al...

Dalla creatività individuale alla creatività sociale

Come ogni giovedì, il Sole 24 Ore allega al quotidiano l’inserto “Nova”. In questo numero si parla diffusamente della creatività. Un nostro commento.

Porter sulla CSR: una proposta forte senza lungimiranza

Un doveroso commento all'articolo di Michael E. Porter e Mark R. Kramer sulla CSR comparso sul numero di dicembre della Harvard Business Review dal titolo "Il legame tra Vantaggio Competitivo e la ...

×