bollino ceralaccato

Una svolta, ma “vecchia” di più di vent’anni

Stamattina (20 novembre 2007) vedo due paginate sul Corriere dal titolo “La svolta dell’Europa: il PIL non dice tutto sulla qualità della vita”. Il primo commento inevitabile è: ma se ne accorgono solo ora? Il concetto di impronta ecologica risale a più di venti anni fa.

 

Stamattina (20 novembre 2007) vedo due paginate sul Corriere dal titolo “La svolta dell’Europa: il PIL non dice tutto sulla qualità della vita”.

Il primo commento inevitabile è: ma se ne accorgono solo ora? Il concetto di impronta ecologica risale a più di venti anni fa. Il concetto di “indice di povertà” di Amartya Sen è vecchio di giusto 30 anni, ma neppure viene citato. Questo ritardo non può che portare a fare qualche riflessione sulla attenzione che la classe dirigente ha nei confronti del progresso del pensiero umano: praticamente nessuna. Solo quando una innovazione viene urlata nell’orecchio non viene ascoltata.

Citare tutte le “scoperte” ancora non ascoltate porterebbe ad una lista lunghissima. Ma mi limito a citare la più complessiva: la metafora della complessità che ha portato ad una vera rivoluzione nel modo di considerare i rapporti tra l’uomo e il mondo.

Essa porterebbe a nuovi modi di fare impresa, cultura e a costruire la convivenza sociale, ma chi se ne frega. Al massimo riuscite a trovare qualche manager o politico che cita il termine caos, ma in modo così primitivo che sembra una barzelletta. Ma, meglio tardi che mai, dirà qualcuno. Forse, ma se siamo in ritardo nell’usare le scoperte del pensiero umano, allora occorre recuperare. Naturalmente non lo stiamo facendo.

E l’esempio più eclatante è il concetto di “valore”. Esso è l’equivalente improvvisato del PIL. Quindi, se quest’ultimo è primitivo, a maggior ragione lo è il primo. La strategia del valore così come oggi viene espressa, non può in nessun modo essere la guida per la gestione strategica di imprese che non siano il calzolaio dietro l’angolo. Che, però, usa criteri più sofisticati di gestione del suo ambiente di quelli che utilizzano le imprese che perseguono il “valore”.

Ma perché ce l’abbiamo così tanto con il valore? Perché oramai è diventato solo un mito. Nessuno sa esattamente cosa sia, ma tutti lo usano per giustificare (da parte dei media: santificare) una classe dirigente rozza ed egoista che cerca di conservare la propria Versailles di privilegi, per di più senza lo sfarzo e la gloria di quella vera.

Francesco Zanotti

Francesco Zanotti

Sei interessato?
Segui questo progetto

Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

Dello stesso autore
Gli Ultras sono attori sociali

I gruppi di ultras sono sostanzialmente attori sociali. Ma il modo in cui si stanno affrontando è simile al modo in cui si trattano tutti i gruppi antagonisti. In realtà esiste un'alternativa.

CSR: dalla retorica allo sviluppo

La caratteristica fondamentale della nostra società è l’aumento della sua complessità economica, sociale, politica, istituzionale e culturale. Aumento di complessità significa che, quando si ...

Lezione di etica alla norvegese (dal Sole 24 Ore)

E' necessario un nuovo è più intenso paradigma di CSR. Essere socialmente responsabili significa, da parte delle imprese, dopo tutto, attivare strategie che sono orientate allo sviluppo sociale c...

Impresa e cultura: una nuova proposta

Una delle aree più a rischio di deriva retorica è quella del rapporto tra impresa e cultura. Voglio dare il mio contributo perché il rischio della deriva retorica si trasformi in uno stimolo al...

Dalla creatività individuale alla creatività sociale

Come ogni giovedì, il Sole 24 Ore allega al quotidiano l’inserto “Nova”. In questo numero si parla diffusamente della creatività. Un nostro commento.

Porter sulla CSR: una proposta forte senza lungimiranza

Un doveroso commento all'articolo di Michael E. Porter e Mark R. Kramer sulla CSR comparso sul numero di dicembre della Harvard Business Review dal titolo "Il legame tra Vantaggio Competitivo e la ...

×