bollino ceralaccato

Indizi e segnali deboli nella strategia competitiva

Una lettura professionale recensita sul mio marketingblog.

"L'intelligenza è l'arte di impiegare la conoscenza incompleta. E' l'arte di far conto sulla fortuna sfacciata di azzeccarci. Per quante informazioni ammassi ci sarà sempre incertezza, eppure devi decidere".

La definizione è di Leonard M. Fuld, fondatore e presidente dell'omonima società di ricerche, analisi e consulenza strategica ed è contenuta nel suo libro "The secret language of competitive intelligence. How to see through and stay ahead of business  disruptions, distortions, rumors and smoke screens" (Il linguaggio segreto dell'intelligenza competitiva.Come vedere attraverso e avanzare oltre la frantumazione del business, le deformazioni, i pettegolezzi e le cortine fumogene), Crown Business, Cambridge (Massachusett), 2006.

Vi è scritto che l'intelligenza competitiva è praticata in molte aziende in modo avventuroso e melodrammatico. Rientra nell'ambito specifico della funzione Strategia e comprende in estrema sintesi la raccolta di informazioni sui competitori. Ma è un'attività che non può essere lasciata a una funzione specifica e "per la sua importanza dovrebbe essere un'attività svolta da tutte le persone che lavorano in azienda".

Come indica il sottotitolo, il libro di Fuld è un manuale pratico, rivolto a far realizzare percorsi efficaci per decidere i prezzi e lo sviluppo dei nuovi prodotti, le alleanze, l'esternalizzazione e il costo delle operazioni, attraverso il coinvolgimento di tutti nella raccolta accurata dei fatti e nelle scelte di mercato.

In nove capitoli l'autore mostra con esempi di vita vissuta, in trenta anni di lavoro alla testa della sua società di consulenza, come l'intelligenza competitiva può aiutare a vincere il "gioco del rischio e della ricompensa", a rimuovere gli ostacoli a una visione chiara della realtà, a usare le regole della competizione per individuare le tre mosse future possibili, a vedere gli alberi per capire la foresta, a usare l'intelligenza nella competizione come mai è stato fatto prima, a guardare attraverso la confusione per raccogliere le gemme dell'intelligenza, a mettere intelligenza nel lavoro, a uscire dalla nebbia competitiva come Rothschild, Buffet, Walton, Dell e Branson hanno fatto.

I riferimenti agli episodi che hanno avviato il successo dei grandi imprenditori, all'uso esplorativo di Internet ("raggi X della rete"), al rispetto del "DNA aziendale" e alle pratiche di formazione della sua società abbondano, in un profluvio di citazioni di blog, siti Web, sofisticati rapporti di analisi su interi settori economici e tableau de bord di grandi gruppi aziendali, in evidente contraddizione con gli obiettivi del libro di voler essere un' introduzione alla pratica dell'intelligenza competitiva.

Se ne ricava l'impressione di un libro scritto con intenzioni autocelebrative, che ha proprio nella raccolta aneddotica il suo punto di interesse, mentre è carente nel  tentativo di aiutare i manager a capire da indizi e segnali deboli quali saranno le prossime mosse delle aziende concorrenti.

[Fonte Iriospark]
archiviato sotto:
Pier Luca Santoro

Pier Luca Santoro

Dello stesso autore
Dealer Day, non solo auto!

Una occasione di incontro per i Dealer che ai classici spazi espositivi [peraltro molto contenuti] offre numerosi workshop con un programma articolato che punta a coprire in modo approfondito tutte...

Why italy is off line

Delle tredici nazioni europee prese in considerazione dallo studio l’Italia ha livelli d’investimento complessivo [480 mio di euro] inferiori perfino all’ Olanda. Il problema non risiede nel ...

ROI & ROI: From return to investment shifting to return on influence

Farà forse parte della mia mentalità da ragioniere del marketing ma l’idea di monitorare ed analizzare il ritorno degli investimenti, anche, di marketing e comunicazione è parte del mio dna pe...

Blog in azienda: nuovo tetris per dirigenti o strumento di business?

L’attenzione ed il dibattito sull’opportunità di realizzare un blog per un azienda e su quali possano essere i ritorni attesi si focalizza quasi esclusivamente su quelli che sono genericamente...

WEB 2.0

La classifica dei video più diffusi in rete e alcune riflessioni sulla comunicazione e il marketing ( da marketingblob.it )

Serve ancora la formazione aziendale?

Moltissime ricerche realizzate con tecniche differenti in differenti contesti di tutto il mondo hanno mostrato negli ultimi venti anni che il successo di un manager o di un tecnico non dipende tant...

×