bollino ceralaccato

Invecchiare è (solo) un declino?

BOZZA IN ELABORAZIONE - Satsang Laico di (Ri)Connessioni: una serie di Incontri Dialogici in Rete per condividere, commentare, criticare costruttivamente e connetterci su Domande & Risposte su temi Esistenziali. Tue opinioni apprezzate nella sottostante sezione Commenti. Grazie!

BOZZA IN ELABORAZIONE 
Satsang Laico di (Ri)Connessioni
 

Invecchiare è (solo) un declino?

Assolutamente no! Vediamo perché.

Declini

   Il passare degli anni comporta una serie di declini ma anche diverse opportunità di slanci ascenzionali. Vediamo quali, aprendoci mentalmente senza preconcetti.
Istante per istante, il nostro DNA si replica ma, ad ogni replica, specifici cromosomi non vengono totalmente copiati e così un loro piccolo tratto estremo (telomero) "perde pezzi".  Con il passare degli anni, perdiamo pezzi di noi stessi, e questo non aiuta...
   A partire dal cervello del neonato, le sinapsi si vanno riducendo, focalizzando, strutturando per meglio svolgere i compiti che la Realtà reclama. L'abnorme consumo di zuccheri del cervello del neonato nutre una dispersiva matassa di sinapsi che, prima di specializzarsi oppure di atrofizzarsi, connettono tutto con (quasi) tutto: organi della vista connessi anche con - così, casualmente - neuroni adibiti all'udito; organi dell'udito, similmente, connessi con neuroni che gestiscono la vista; e così via... Insomma, per un neonato "vedere i suoni" e "sentire i colori" è naturale ma per un adulto meglio di no. Di esperienza in esperienza, con gli anni, questa matassa di sinapsi si sbroglia per semplificarsi, strutturarsi, focalizzarsi con il rischio di eccedere, ossia di semplificarsi, strutturarsi, focalizzarsi troppo in Persone sempre più rigide, efficienti, integraliste, "tutto d'un pezzo", anempatiche - insomma: Persone (spiritualmente) vecchie.
   Certo che i processi ossidativi, le micro-lesioni ossee e muscolari, le micro-ischemie cerebrali e tanti altri micro-fenomeni rendono l'insieme Corpo-Cervello più fragile e meno resiliente con il passare del tempo.  La Vita logora il nostro sistema Corpo-Cervello ma lo logora di più in chi "non vive" - espressione vaga chiarita sotto. 
Questo va di pari passo con la riduzione ormonale e, per le femmine, alla fine dell'ovulazione con complessi riequilibri ormonali.

Eppure...

   Una prima bella notizia arriva dalle Neuro-Scienze con la dimostrazione della Neuro-Plasticità Adulta, ossia la possibilità di "ricablare" fisicamente la nostra rete neurale-sinaptica con le Meditazioni che amo scrivere così: "Me-Edit-Azioni" - perché?  Perché la Meditazione può essere uno strumento efficace per intenzionalmente "editare" il nostro Cervello, ossia per riscrivere, ricablare, riprogrammare quanto già scritto, cablato, programmato in noi - a ogni età!   Soltanto così le nostre Azioni saranno più coerenti con la nostra reale e consapevole Natura.   Meditate gente, meditate...  
   La seconda bella notizia arriva dalle Scienze Cognitive con la dimostrazione della limitatezza del nostro Libero Arbitrio (come risulta dagli esperimenti di B. Libet e altri), che tanti ancora oggi presumono pienamente in nostro possesso, magari perché donatoci da una divinità.  E questa sarebbe una bella notizia...?! Certo, perché questa nostra detronizzazione dal presunto pieno possesso delle nostre azioni ci forza a capire umilmente "chi" in realtà ci pilota e, soprattutto, come, quando e quanto.  E così, con un salto di Consapevolezza, possiamo vedere, limitare e bloccare tale profonda schiavitù e affrancarcene.  Sintetizzo in "JOLOF" (Joy of Liberty Of / From) questa nostra enorme, se consapevole, Gioia della Libertà di vivere veramente purché si pratichi anche la Gioia della Libertà da pilotaggi e condizionamenti sia esterni sia, soprattutto, interni da parte di: Geni Egoisti (R.Dawkins), Riflessi Condizionati e Condizionanti (I.Pavlov, B.Libet, J-D.Haynes), Ormoni...
   La terza bella notizia arriva da ciò che chiamo "Duhkha Theory", che esprime una mia tesi basata sul nostro eterno "DNA Esistenziale" costituito da 4 aspetti eternamente presenti nella Vita: Nutrizione, Sessualità, Sonno e... Sfide!  Quest'ultimo aspetto, paradossale per molti, è da sempre presente nella Vita di tutti gli Esseri Viventi con il suo ineluttabile carico di problemi, ansie, stress e sofferenze (duhkha, in Sanscrito: la prima delle 4 Nobili Verità di Siddharta Gautama, detto Buddha).  Insomma, le Sfide, come gli altri 3 aspetti intrinseci alla Vita, sono evoluzionisticamente premiate e premianti. Affrontare Sfide è bene, sfuggirle è male - senza eccedere.  Fight or Flight - questo è il dilemma al quale la Realtà ci richiama eternamente e sul quale poggia parte della nostra Salute, Felicità Sostenibile e, soprattutto, Autostima - la più grande ricchezza umana.

Slancio ascensionale

   Il passare degli anni porta anche una serie di possibili Slanci ascensionali, purché.... ebbè, certo, nulla è gratis,
 Eccoli, condividendo un Know-How Esistenziale nel quale il Come è essenziale, poiché senza un pratico e misurabile Come (How) il Sapere (Know) rimane sterile:
   1) crescente Libero Arbitrio - purché la "Libertà da" condizionamenti ormonali, culturali, economiche venga investita in "Libertà di" cambiare, svilupparsi, imparare mediante Me-Edit-Azioni così che le proprie Azioni siano più coerenti con la propria Natura voluta e non subìta. La vecchiaia più triste è di chi continua a praticare da 30 e più anni le stesse attività "giovanili"...   Come misurare ciò? Conta gli anni dall'ultima volta che hai fatto qualcosa per la prima volta.  
"Sono io che decido ma non so perché" (B.Spinoza)
   2) crescente Empatia delle Connessioni Umane - purché si accetti la vitale "Danza di Shiva" che dinamicamente distrugge & crea donandoci Libertà di nuove  Connessioni Umane soltanto mediante la Libertà da altre ormai logore, abitudinarie, "povere" o persino "tossiche". Come misurare ciò? Conta le nuove ed empatiche  Connessioni Umane - vicine o remote, grazie al nostro Partner Non-Umano, le Tecnologie - che sono emerse negli ultimi cinque anni.
"Il nostro vero Io non tutto in noi stessi" (J-J. Rousseau).
   3) crescente Autostima - purché il dilemma Fight or Flight abbia sempre almeno una minima componente di Fight, di Sfide affrontate anziché sfuggite o completamente evitate ("Sindrome del Pensionato"). Come misurare ciò? Conta quanti nuovi problemi e/o stress e/o ansie hai deciso tu di affrontare - senza esagerare.
"E' una perfezione assoluta e quasi divina saper godere lealmente del proprio essere" (M.de Montaigne).
   4)  crescente "Vera Vita" (F.Jullien) - purché, come si esprime il filosofo francese, si abbia la volontà di "decoincidere", "disaderire", "disaccopiarsi" da routine, abitudini, "quieto vivere" che determinano la "non vita" e imparare così a "vivere tra" sicurezze e incertezze, passato e futuro, ricordi e sogni creativi.  Come misurare ciò?  Conta quante volte racconti il Passato rispetto a dialogare sul tuo Futuro.
"Si alza il vento / occorre tentare di vivere" (P.Valèry) 
   5) crescente Felicità Sostenibile - purché ci si affranchi dalla ossessione del Risultato per vivere la Vera Vita con un proprio Sogno Creatore che dia la certezza di riprendere e mantenere sempre vivo il Cammino malgrado problemi, "cadute" e stanchezza, con Resilienza Esistenziale.  Come misurare ciò? Quante volte al giorno senti il desiderio di permanere in una situazione gioiosa, quando il Tempo e lo Spazio sembrano non esistere nel Tempio d'Io che hai costruito con i "mattoni" di una vita di Esperienze?
"Per il Felice non rintocca l'ora" (F.Schelling).
"Anche chiuso in un guscio di noce, potrei sentirmi re di infiniti spazi" (W.Shakespeare, in Amleto).
   6) possibile migliore meccanismo compensativo del processo di accorciamento dei telomeri (tratto finale di specifici cromosomi) con l'enzima telomerasi, riallungando così i telomeri accorciati in modo da mantenere integri i cromosomi (A-M.Olovnikov) - purché (N.B.: ipotesi non scientifica, in fase di studio, di ricerca e di sperimentazione) l'enzima telomerasi "senta" che sta donando più Vita a chi crede nella Vita con un proprio Futuro, un proprio Cammino accettando Incertezze, Rischi, Sfide... anziché "sedersi" e/o sedarsi.
 
"Se vuoi, sei libero" (Epitteto)
Grazie per tue domande, opinioni, critiche costruttive. 
Nicola Antonucci, 22 gennaio 2023
#VeraVita  #Invecchiamento   #FelicitàSostenibile   #ResilienzaEsistenziale  #Autostima  #Telomerasi   #LiberoArbitrio   #SogniCreatori   #DuhkhaTheory 
error while rendering plone.comments
Versione Inglese

ita en

Sei interessato?
Segui questo progetto

Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

Amici del Progetto

 

 

thebright

 


 

auroville

 


Dello stesso autore
Dal BLOG di Finanza Scientifica al nuovo BLOG di Financial Coaching

Per spunti, riflessioni, scenari complessi e pro-vocazioni sull'attualità finanziaria, con un approccio innovativo - scientifico - alla Finanza.

New Made in Italy – come usciremo dalla Crisi

Una recensione del nuovo libro di Paolo Gila e Nicola Antonucci. Un libro “eretico”, che presenta scenari e possibili evoluzioni fuori del coro, anzitutto in merito alla Deflazione: uno scenar...

Dal BLOG di Finanza Scientifica al nuovo BLOG di Financial Coaching

Per spunti, riflessioni, scenari complessi e pro-vocazioni sull'attualità finanziaria, con un approccio innovativo - scientifico - alla Finanza.

Profilo della Antonucci Financial

Consulenza Finanziaria Autonoma / Indipendente supportata dal RoboTrader Cognitivo "Umanot" (basato sull'Analisi Fisica ®).

Profilo della Antonucci Financial

Consulenza Finanziaria Autonoma / Indipendente supportata dal RoboTrader Cognitivo "Umanot" (basato sull'Analisi Fisica ®).

Finanza Scientifica

Semplici e brevi spunti per comprendere la Finanza partendo dalla comprensione scientifica... di noi stessi. Potenzialità e limiti nel vedere le biforcazioni, gli scenari e i conseguenti dilemmi,...

×