bollino ceralaccato

Un Vademecum per una Deflazione annunciata – 2

Ormai, dopo 4 anni che ne parliamo su questo BLOG, stanno arrivando solo ora i "veggenti del passato": giornali, economisti, docenti che iniziano a parlare di deflazione – troppo tardi per la maggioranza dei risparmiatori che hanno investito tutto sullo scenario inflattivo acquistando beni rifugio (immobili, terreni, quadri…). Per chi invece ha saputo immaginare prima e meglio di altri lo scenario deflattivo, ecco arrivare le meritate opportunità favorite dal Caos.

[per una CONSULENZA ONLINE da parte dell'autore (alcuni slot sono GRATUITI), richiedila a questo LINK]

 

Ormai, dopo 4 anni che ne parliamo su questo BLOG, stanno arrivando solo ora i "veggenti del passato": giornali, economisti, docenti che iniziano a parlare di deflazione – troppo tardi per la maggioranza dei risparmiatori che hanno investito tutto sullo scenario inflattivo acquistando beni rifugio (immobili, terreni, quadri…). Per chi invece ha saputo immaginare prima e meglio di altri lo scenario deflattivo, ecco arrivare le meritate opportunità favorite dal Caos.

Tali opportunità non devono però essere semplicemente monetarie, altrimenti questo blog è stato inutile. Le opportunità devono riguardare anche gli aspetti monetari soprattutto per facilitare il passaggio a modelli esistenziali che garantiscano maggiore felicità sostenibile.

Allora, senza tediarti più con la liquidità liquidabile, come ottenerla e salvaguardarla, e con la spiegazione di cosa sia una deflazione, passiamo ora a una pragmatico vademecum per affrontare alcune domande essenziali per un approccio olistico al cambiamento epocale in corso, le cui risposte sono nel nuovo libro di Paolo Gila e Nicola Antonucci (New Made in Italy – come usciremo dalla crisi, edito da Adagio, disponibile in formato sia ebook Kindle sia cartaceo su Amazon.it), attraverso fruibili grafici e un facile testo (leggibile in 1,5h): Come e quanto risparmiare? Come investire i risparmi? Quali nuovi lavori in Italia? Quali saranno le formule vincenti per coniugare rischi e redditività nei prossimi anni? Varrà ancora la pena di investire il proprio gruzzolo nel mattone? Quanto si dovrà destinare alla pensione integrativa, oppure all’investimento azionario o a quello obbligazionario? Qual è il mix corretto tra “formica” o “cicala”, tra risparmio o consumi, tra soddisfazioni rimandate con investimenti finanziari o soddisfazioni godute con “investimenti esistenziali”?  Esiste una felicità sostenibile per il lavoratore, il risparmiatore, il cittadino consapevole e aggiornato?

Con questa nuova serie di POST, inizio ad accennare (semplicemente...) preliminari risposte alla seconda coppia di domande sopra poste (in grassetto):

    • Quali nuovi lavori in Italia? La possibile deflazione potrebbe comportare il rientro in Italia di produzioni di pregio, per qualità e per competenza richieste alle persone, favorite dai minori costi delle materie e, purtroppo, del personale. Potrebbe dunque nascere un nuovo mix tra produzione artigianale e industriale, tra creatività e metodologie produttive, tra individualità e team, un mix tutto italiano nel quale l’arte, la creatività, l’estro dell’individuo si coniugheranno con volumi e metodologie industriali, insieme alla collaborazione necessaria dei nostri “partner non umani”: le tecnologie con robot e sistemi decisionali di nuova concezione. In questo quadro saranno quindi necessarie nuove competenze. E nuove competenze saranno richieste anche dal turismo culturale, vero giacimento  dell’Italia in forza di un patrimonio unico al mondo per qualità e quantità. Un mercato deflazionato attirerà sempre più benestanti da Paesi emergenti che avranno però bisogno di figure come il Tourist Coach, un mèntore di elevato livello culturale e relazionale che sappia condurli attraverso l’esperienza e l’emozione dell’Italian Life Style con un percorso personalizzato attraverso la varietà inesauribile e ad altissimo livello di opere liriche e concerti, cibi e vini, mostre d’arte e architetture di tutte le epoche, paesaggi e città, tradizioni ed eccellenze produttive,  montagne, laghi, mare...  Altrettanto necessarie saranno tutte quelle competenze che permetteranno lo sviluppo creativo e innovativo di applicazioni scientifiche e tecnologiche delle più recenti scoperte in qualsiasi ambito (nanotecnologie, biotecnologie, fisica delle particelle, scienze cognitive e nuove discipline).  Un complesso mix artigianale-industriale, individuale-collettivo, creativo-metodologico che potrà rappresentare un nuovo Brand in Italy.
    • Quali saranno le formule vincenti per coniugare rischi e redditività nei prossimi anni? Un bilanciamento sano tra rischi e redditività, che dovrebbero sempre crescere insieme, è ovviamente soggettivo, ma in contesti deflattivi prevarrà sempre più il "rischio dell’opportunità” alla “certezza della cedola” stimolando sogni imprenditoriali personali e, soprattutto, condivisi.  Soltanto la condivisione di investimenti con altri, mediante società, associazioni, iniziative comunitarie o gruppi di solidarietà e cooperative, sarà in grado di garantire valutazioni molto più oggettive del rapporto tra rischi e redditività. Il crowdfunding, l’investimento di piccole-medie quote di capitale in iniziative promosse in rete, potrà essere un canale di facilitazione di tale visione anche in Italia. Attendiamo infine con speranza una moderna Finanza di Valori Complessi, non basata su un unico valore (quello monetario), che saprà coniugare più stabilmente e sostenibilmente benessere psico-fisico e beni, sogni e bisogni, redditi e felicità sostenibile.


    [per una CONSULENZA ONLINE da parte dell'autore (alcuni slot sono GRATUITI), richiedila a questo LINK]

     

        Alla prossima puntata per le altre risposte!

        WeiJi
        Tanta Crisi, tante Opportunità – come suggerito dall’ideogramma cinese di “Crisi” (Wei-ji = Pericolo + Opportunità):

         

        Nicola Antonucci

        Nicola.antonucci@libero.it

        Financial Coaching, 9 febbraio 2014

        Nicola Antonucci

        Nicola Antonucci

        • Azienda: ComplexLab
        • Posizione: Founder
        • Città: Milano
        • Cell: +393488558073
        • Email:nicola.antonucci@complexlab.it
        • Competenze:
          • Digital Business & Marketing & Financial Development
          • Finanza - Deflazione / Deflation, RoboTrading
          • Facility Management
          • Complessità / Complexity
          • BioPhysical Spirituality Flow-er

        nicola antonucci ritargliato2Il BLOG di Nicola Antonucci per aiutare Risparmiatori, Investitori e Traders a scegliere consapevolmente e... a non farsi fregare.

        CONSULENZA ONLINE (ANCHE GRATUITA)

        Pulsante Web Studio

        Sei interessato?
        Segui questo blog

        Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

        ×