Facility management e finanza immobiliare

Apocalissi Immobiliare- Parte 1: dal Costruire al Gestire attraverso i Brick Shares!

[per una CONSULENZA ONLINE da parte dell'autore: LINK ]

 

Un affare nel quale si guadagna solo danaro non è un affare
Henry Ford.

Cosa ha sempre contraddistinto nel più profondo la cultura finanziaria da quella immobiliare? Semplice: la volatilità, ossia il rischio.

La volatilità è l’anima della finanza, e senza la volatilità la finanza non esiste. La finanza si occupa essenzialmente di valutare la volatilità, ossia il rischio connesso a un investimento, al fine di scientemente comprare e vendere rischio – soltanto rischio, null’altro che rischio.

La volatilità è, invece, il veleno del mondo immobiliare, e contro la volatilità l’immobiliare prospera proprio per arginarla e per stigmatizzarla.. L’immobiliare è il rifugio per eccellenza per chi rifugge dal rischio.

Vari tentativi di “finanziarizzare” l’immobiliare sono stati dei flop (vedi i fondi immobiliari), delle delusioni (vedi le recenti italiche SIIQ o americane REITs) o persino dei disastri (vedi i CDO – Collateralized Debt Obligations, ossia quelle tossiche cartolarizzazioni di decine di migliaia di mutui americani “teoricamente sostenute” dalla fallace “Correlazione d’Insolvenza” di David Li….!).

Una misura del prossimo disastro (metà 2010 – inizio 2011), innescato dalla precedente incompetente e criminale finanziarizzazione dell’immobiliare, si evince dal grafico che segue (successive ondate di rinegoziazione di diversi mutui americani con volumi impressionanti a partire dalla ondata di mutui subprime del 2007-2008):

mutui usa 2007 2015 450pixel

N.B.: i mutui “Alt-A” e “Option AR” hanno una affidabilità (scarsa…) quanto gli ormai estinti mutui “Subprime”, con la micidiale differenza di essere in rinegoziazione oggigiorno con prezzi immobiliari americani inferiori del 40-60% rispetto al periodo della rinegoziazione dei Subprime…!

Sono dell’idea che la causa di questi insuccessi sia l’aver cercato una “matrimonio” tra due culture molto diverse tra loro (quella finanziaria e quella immobiliare) che hanno trovato una illusoria intesa nella riduzione della volatilità mediante il semplicistico stratagemma della diversificazione (mediando i valori e i rischi tra numerosi beni).

Ma… come ben sa chi ha imparato qualcosa sulla teoria della complessità applicata alla finanza (magari… grazie al mio corso online su: http://www.pfacademy.it/corso.php?idCo=82 …?!), le medie non sono affidabili e i casi eccezionali (i famosi “cigni neri”) sono molto meno eccezionali di quanto si è stati educati a pensare.

Nessuno ha finora osato effettuare il vero salto di qualità, reso arduo da un “giurassico” impianto giuridico-fiscale italiano, che consiste nel:

  • focalizzare l’investimento su uno specifico business case immobile e non su un “fondo” di immobili…
  • permettere l’acquisto di una “quota verticale” di un business case immobiliare anziché semplicemente di una “quota orizzontale”, ossia l’acquisto di un diritto a una determinata percentuale degli utili anziché di un semplice alloggio o ufficio;
  • facilitare la negoziabilità di tale diritto sugli utili, con la creazione, diffusione e intermediazione di innovativi strumenti finanziari per l’immobiliare: i Brick Shares ™ (le Azioni “del Mattone”).

 

Bene, ma cosa c’entrano il Facility Management e il Property Management con questo possibile nuovo strumento finanziario ?

Semplice: riassumendo le caratteristiche dei Brick Shares ™ , vediamo gli atteggiamenti di un tipico investitore finanziario (amico della volatilità) e di un tipico investitore immobiliare (avverso alla volatilità).

 

I Brick Shares sono basati su ottimi business cases immobiliari, sfruttando i primi decisi segnali di ribasso del mercato (e confidando di avere ancora migliori occasioni nei prossimi mesi!).

La loro struttura relazionale è l’innovativo One-to-Many ‘verticale’, laddove per

  • One-to-One, si intende un rapporto definito da un singolo imprenditore e un singolo investitore;
  • One-to-Many ‘orizzontale’, si intende un rapporto definito da un imprenditore e molti investitori, che acquisiscono ‘fette orizzontali’ del progetto immobiliare, quindi appartamenti, box, o altro rigidamente definito;
  • One-to-Many ‘verticale’, quando invece le ‘fette’ sono appunto ‘verticali’, ossia quote flessibili del progetto e dei suoi utili.  Questa è la tipica struttura delle Società per Azioni nei più maturi mercati finanziari mobiliari.

In pratica, i Brick Shares funzionano così:

  • Ad ogni progetto/idea imprenditoriale immobiliare, l'imprenditore presenta i dettagli del progetto, delle sue prospettive, delle proprie esperienze e realizzazioni, del Business Plan, e chiede ‘al mercato’ un finanziamento;
  • Il finanziamento da piccoli-medi investitori (minimo 50.000 €) rende questi ‘partecipi’ degli utili del progetto, con l’unica garanzia dell'immobile stesso, senza altre garanzie o impegni di rimborso. Si tratta quindi di capitale di rischio, ma con garanzie concrete nell’immobile stesso.

Per l'investitore, i vantaggi sono:

  • diritto di partecipazione agli utili;
  • possibilità di investire qualsiasi cifra (purché almeno 50.000€) e acquisire quindi una ‘fetta’ a piacere del business;
  • evitare investimenti immobiliari con atti notarili, iscrizioni al catasto, ICI, tasse rifiuti, ecc...;
  • soprattutto, la negoziabilità della partecipazione agli utili con semplice cessione del contratto a un nuovo investitore, attraverso intermediari designati (ai quali andrà una commissione dal 1 al 4% del valore, a seconda dei casi).  Questa è la grande differenza rispetto ai rigidi e farraginosi Fondi Comuni Immobiliari e alle SIIQ (Società di Investimento Immobiliari Quotate);
  • tutto ciò con la semplice e pratica sottoscrizione di un contratto che comporta, soltanto per il gruppo dei Primi Sottoscrittori, una imposta di registrazione del 3%, imposta che non si applica più per i sottoscrittori successivi.

Per l'imprenditore o il proprietario privato, i vantaggi sono:

  • possibilità di condividere un business plan di valorizzazione di terreni o immobili con piccoli-medi investitori interessati all’idea imprenditoriale, e non alla proprietà o alla gestione dell’immobile;
  • un basso costo del finanziamento, sul modello delle ‘società per azioni’;
  • piena autonomia gestionale del progetto, non essendo gli investitori dei ‘soci’ nel progetto, bensì ‘partecipi degli utili’ con diritti di rendicontazione.

Ebbene, vediamo infine i diversi atteggiamenti dei nostri investitori:

  • l’investitore finanziario ha un nuovo strumento per investire in uno specifico business case immobiliare di sua fiducia, eventualmente rivendibile con opportunità di capital gain, oppure di rendita;
  • l’investitore immobiliare, pur affrontando un rischio di capitale, vede con serenità una garanzia sottostante di natura immobiliare e/o fondiaria che gli prospetta un buon rendimento in tempi medio-brevi (12-18 mesi) e con bassa volatilità.

MORALE: Il Progetto di connubio tra Finanza e Immobiliare (senza la semplicistica soluzione di una inefficace diversificazione degli investimenti immobiliari!) è quindi possibile, come sostiene anche l’autorevole prof. Oliviero Tronconi (per lineare il suo interessante articolo clicca qui ), grazie sia a nuovi strumenti finanziari sia alla collaborazione tra Property Management, Facility Management e Finanza Immobiliare .

Come….?  Perché…? Cosa manca ai Brick Shares per decollare in Italia…? Le risposte nel prossimo articolo (“Parte 2”)!

 

Per ulteriori informazioni e chiarimenti: nicola.antonucci@libero.it

Ad maiorem!

Nicola Antonucci

Scarica gli allegati

Aggiungi un commento

pubblicato il 22 Aprile 2010

Autore

Nicola Antonucci
ComplexLab - Founder
E-mail: nicola.antonucci@libero.it
Città: Milano

Collaborano al progetto

 

logo ifma completoblu

 


 

logo gestitec polimi

 


 

TeMA Logo

 


 

logo afb 2

Sei interessato?
Segui questo progetto

Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

Dello stesso autore
Facility Management opportunities in Italy by deflation

Italy nowadays is one of the best “shopping Countries” deflation can provide with. Not only for real estate, fashion brands and manufacturing plants, but even more for services such as Facili...

ACTA in Rete - ComplexLab: la Convenzione è attiva!

Marketing di Rete e Competence Branding per aiutare i Professionisti autonomi a farsi trovare dal lavoro...anziché solo cercarlo. La sinergia di due realtà accomunate da un grande Sogno&Obiettivo

BNI - ComplexLab: siglata la partnership

Due realtà complementari iniziano un percorso comune. Obiettivo: connettere le Competenze al Business grazie al Marketing di Rete

UMANOT: primi "vagiti"

Dopo i precedenti annunci, ritardi e criticità tecniche hanno posticipato i tempi previsti per la verifica e validazione dei criteri dell’Analisi Fisica alla base di un progetto di sistema di tr...

Cos’è la teoria dei giochi?

Semplici principi e concetti per iniziare a comprendere la Teoria dei giochi e le sua applicazioni in svariate situazioni: organizzazoni complesse, esperienze esistenziali, sfide ripetitive.... pa...

Oltre l'Euro(pa) - cosa accadrà dopo il 25 Maggio 2014

Il Caos favorisce le menti preparate - parafrasando Louis Pasteur. Nessuno può prevedere il futuro, ma sapere immaginare possibili scenari futuri è un preciso compito e talento che la Comples...