bollino ceralaccato

Una mappa per viaggiare

....oggi riprendo il mio viaggio, salendo di nuovo su quel treno speciale che mi ha permesso di ritrovare il mio pensiero radiale e continuo a scoprire la complessità del mondo......... ho deciso di portare con me poche cose, il mio cuore e tanti fogli bianchi su cui disegnare mappe mentali colorate che mi aiuteranno ad orientarmi e a non dimenticare ciò che vedo........... la prima mappa la dedico a complexlab rigogliosa isola del mare magnum del web su cui mi sono fermata per conoscere i suoi abitanti e i loro tesori.......

[ per un efficace approfondimento della teoria della complessità: Cos'è la complessità... semplicemente? - NdR ].

 

Viaggiatore o turista?

mappamondo quando si intraprende un viaggio
c’è sempre un momento iniziale
in cui bisogna decidere cosa portare con sè

se siamo veri viaggiatori e non solo turisti
il bagaglio sarà piccolo e leggero perché
per raggiungere i posti più belli
spesso bisogna fare dei tratti a piedi
su sentieri accidentati dove pochi si avventurano

quando viaggio cerco di portare con me l’essenziale
ma non è facile perché aprendo l’armadio
mi faccio sempre prendere la mano
e tutto mi sembra necessario e indispensabile

ogni volta però vengo smentita dai fatti

tornata a casa mi rendo conto che
ho utilizzato la metà dei vestiti che ho portato
e così giuro a me stessa:
basta! la prossima volta solo jeans e maglietta
se mi serve qualcosa la compro dove mi trovo
così avrò un ricordo della terra che mi ha ospitato

 

nello zaino del viaggiatore

oggi riprendo il mio viaggio
salendo di nuovo su quel treno speciale
che mi ha permesso di ritrovare il mio pensiero radiale
e continuo a scoprire la complessità del mondo

ho deciso di portare con me poche cose
il mio cuore e tanti fogli bianchi
su cui disegnare mappe mentali colorate
che mi aiuteranno ad orientarmi
e a non dimenticare ciò che vedo

la prima mappa la dedico a complexlab
rigogliosa isola del mare magnum del web
su cui mi sono fermata per conoscere i suoi abitanti e i loro tesori

la mappa di complex lab rbuzzacchino nov07

la mappa non è il territorio

la mappa mentale che ho disegnato è molto semplice
e ovviamente non è complexlab nella sua totalità
cosi come una mappa stradale non è il territorio con tutti i suoi particolari

questa mappa rappresenta l’idea che ho di complexlab
nella sua dinamica, nel suo dispegiegarsi

utilizzando la tecnica delle mappe mentali
ho potuto attivare allo stesso tempo
un pensiero razionale, deduttivo, associativo, immaginativo
e descrivere gli elementi essenziali di un progetto complesso

riguardandola mi piacerebbe che fosse l’incipit per delle altre

forse qualcuno potrebbe stamparla e aggiungere
un ramo principale, cioè un argomento che gli interessa
un ramo secondario, cioè una parola chiave che specifica quell’ argomento

qualcun’altro potrebbe scrivere il proprio nome
scegliendo uno degli omini che creano il cerchio
e insieme generano energia per “illuminare” il mondo

in questo modo ciascuno avrebbe la sua mappa
per poterla condividere, confrontarla con altri viaggiatori
e un giorno dire: vedi, sono stato qui!

orientarsi con i “punti cardinali”

rosa dei venti 8 quando disegniamo la mappa
del territorio che stiamo esplorando
dobbiamo fare sempre riferimento ai punti cardinali

anche quando lavoriamo
il nostro pensiero e modo di essere
deve essere orientato da valori etici

io propongo quelli che per me sono indispensabili
e mi guidano quando disegno una mappa “di valore”

rispetto

molto spesso si lavora insieme ad altre persone
ma perché un gruppo si possa trasformare in un team
è necessaria una comunicazione etica fondata sul rispetto

il rispetto permette di lavorare sulla stessa mappa
ciascuno può aggiungere un ramo
colorare una parola chiave, esprimere la propria idea

attraverso il confronto con gli altri
si può costruire insieme un’unica visione
e raggiungere l’obiettivo finale:
la rappresentazione grafica di un pensiero
che da individuale diventa collettivo

solidarietà

i sistemi organizzativi ci spingono sempre più verso
la competizione e l’individualismo

la solidarietà permette, invece, di lavorare in modo diverso
se nella mappa il ramo principale di un nostro collega
è "privo di colore" e i rami secondari scarseggiano
basta un pennarello giallo, aggiungere qualche raggio
e rendere la mappa come un sole ricco di energia
che permette all’organizzazione di vivere e crescere

coraggio

il mercato chiede sempre di più prodotti innovativi e competitivi
per fare ciò è necessario percorrere nuove strade
ed avere il coraggio di abbandonare gli schemi tradizionali

passare dalla scrittura lineare a quella radiale
usare i colori o piccoli disegni per “parlare di cose serie”
richiede coraggio

questa è la sfida della complessità
che può essere vinta sviluppando un pensiero flessibile
sempre aperto a nuove connessioni
come in una mappa dove in ogni momento si può aggiugere qualcosa
ed avere sempre la visione d’insieme

creatività

liberare le potenzialità dell’emisfero destro del nostro cervello
lavorare in modo sinergico con quello sinistro
creare connessioni per trovare nuove soluzioni a vecchi problemi
vivere in armonia dentro e fuori di sé

la tecnica del mapping permette di guardare le cose da un altro punto di vista,
scoprire che puoi pensare e scrivere in modo diverso, efficace e divertente:
puoi girare il foglio da verticale a orizzontale
puoi usare tutti i colori che vuoi
puoi liberare la tua creatività!

un viaggio da sperimentare…

a questo punto vi propongo di viaggiare

provate a stampare la mappa in bianco e nero
coloratela con i colori che vi ispirano di più
aggiungete tutto quello che vi viene in mente
parole, disegni, frecce…

vi propongo di tornare bambini
e colorare le parole che dicono i grandi

sì, avete letto bene, non sto scherzando
vi assicuro che è molto rilassante e apre la mente!
basta poco...io faccio così

mappa comlexlab disegno

 

 

tante matite colorate
un tè rilassante
e una musica dolce

lasciatevi andare e a poco a poco vi accorgerete
che la vostra mente sarà più rilassata
l’emisfero sinistro cederà il passo a quello destro
e la vostra creatività sarà liberata
per raggiungere nuovi orizzonti

mappa complexlab invito a viaggiare

 

 

questo è un invito a viaggiare

 

a vivere l’attimo creativo
quando ogni arrivo
è una nuova partenza

roberta buzzacchino

www.complexlab.com/Members/rbuzz

archiviato sotto: ,
Aggiungi un commento
Dello stesso autore
Storia di un pensiero che da lineare ritornò ad essere radiale

Roberta inizia la sua collaborazione a Complexlab con UNA STORIA VERA. Questa è la storia di Roberta che un giorno è salita su un treno speciale e ha incominciato un viaggio di ricerca. Con ...

Story of a thought which from linear became radial again

this is the story of Roberta who one day got on a special train and started a research trip with the passing of time she has had new experiences she has known attractive and involving places...

Taccuino di viaggio: i sentieri dei pensieri

Un anno fa ho scritto "Storia di un pensiero che da lineare ritornò ad essere radiale" per raccontare come, quando e perchè ho cominciato ad utilizzare le mappe mentali. Oggi condivido con voi un...

Una mappa per conversare

Spesso mi viene chiesto: a cosa serve una mappa mentale? Solitamente rispondo che una mappa mentale serve a organizzare graficamente il proprio pensiero per elaborare nuove idee, prendere appunti...

Dal lineare al radiale per viaggiare nella complessità

Nella vita è importante sperimentare, guardare le cose da un punto di vista diverso, passare dalla teoria alla pratica. La mappa che ho realizzato è un invito a leggere il nuovo libro sulla comp...

×